Home » La Llorona – Le lacrime del male

La Llorona – Le lacrime del male

La Llorona - Le lacrime del male
La Llorona - Le lacrime del male

La Llorona – Le lacrime del male è uscito al cinema lo scorso 17 Aprile 2019 e ha riportato al cinema uno dei grandi classici della cultura messicana, la donna fantasma che piange sui suoi figli morti.

“Siamo di fronte a un male che non ha limiti”

La leggenda e i precedenti film

La leggenda, profondamente radicata nella cultura messicana, racconta la storia di una donna vissuta in Messico tra il ‘600 e il ‘700 che, a seguito del tradimento da parte del marito, decise di vendicarsi uccidendo nelle acque del fiume i suoi due figli.

Ma la figura della madre snaturata non resse l’orrore e si tolse a sua volta la vita, divenendo dannata per sempre. Da allora la donna fantasma si aggira rapendo i figli degli altri per sopperire al dolore di aver perso i propri. Infesta i corsi d’acqua e attira i bambini con il suo pianto per fargli fare la stessa fine che secoli prima toccò ai suoi figli.

La Llorona - Le lacrime del male

La Llorona – Le lacrime del male

La Llorona ha già trovato ampio spazio al cinema, riscontrando sempre un discreto successo, grazie alla figura spettrale e terrificante che le si è creata attorno.

A partire da La Llorona, di Renè Cordona, del 1960, per poi passare a La Maledicion de la Llorona, di Rafael Baledon, del 1961. Ci fu poi La venganza de La Llorona e Km 31 di Rigoberto Castaneda, uscito più recentemente nel 2006. Infine, James Wan, nella sua rivisitazione dei più grandi miti horror ha rielaborato anche il famosissimo e inquietante mito de La Llorona, con il suo La Llorona – Le lacrime del male.

La trama de La Llorona

Siamo nella Los Angeles del 1973 e l’assistente sociale Anna Tate Garcia si ritrova stretta tra la vita lavorativa e una vita privata non proprio serena. Recentemente rimasta vedova deve conciliare il lavoro con il tempo da dedicare ai suoi due figli, soprattutto quando si ritrova ad avere a che fare con un caso alquanto particolare.

Ha infatti dovuto togliere l’affidamento dei due figli alla messicana Patricia, che per motivi a lei ignoti teneva i bambini segregati in uno stanzino.

La Llorona - Le lacrime del male

La Llorona – Le lacrime del male

Assorbita dal caso e dalla vita privata Anna si ritrova sull’orlo dell’orrore e della tragedia quando scopre che i bambini in pericolo, in realtà, non sono i figli di Patricia ma i suoi. Sembrerebbe, infatti, che i suoi due figli siano stati scelti come prede dalla Llorona, un antico fantasma messicano che è stato maledetto dopo aver ucciso i propri figli.

Si trattava di una donna tradita e malata in vita, ma nella morte è un fantasma maledetto a soffrire per l’eternità per l’orrore compiuto. Sofferenza che può colmare solamente rapendo i figli altrui.

L’horror firmato James Wan

James Wan non è nuovo in questo campo, tutt’altro, è solito, infatti, andare a ripescare questi antichi miti terrificanti per creare horror carichi di tensione.

Da Insidious a L’evocazione, fino a La Llorona, Wan passa da regista ad autore, inserendosi in un mondo, quello dell’horror, di grandi produttori affermati e comprovati.

Ma il suo stile si sposa bene con queste figure horror, forse meno impegnative ma più popolari e coinvolgenti.

La Llorona - Le lacrime del male

La Llorona – Le lacrime del male

Quella del La Llorona, la donna che piange da secoli i figli uccisi, è una leggenda che attira il produttore ormai da anni. “Quando sono arrivato in America, una delle prime storie che la gente mi ha raccontato è stata la leggenda de La Llorona. Le persone vedono i miei film e pensano che io adoro le storie di fantasmi. E hanno ragione. Ma la Llorona è molto di più. Ti colpisce a un livello più profondo di horror e tocca paure che non sapevi nemmeno di avere. Mi sono proprio fissato su questa storia e ho pensato che fosse una figura straordinaria e spaventosa da portare sul grande schermo”.

Have your say!

1 0

Lost Password

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

X