Home » Noi (Us) tra tensione e critica sociale

Noi (Us) tra tensione e critica sociale

Noi (Us)
Noi (Us)

Noi (Us) è un film del 2019 del regista Jordan Peele con Lupita Nyong’o, un mix tra thriller e horror, che cerca di spiegare temi importanti come l’integrazione e l’uguaglianza tra gli uomini.

Noi (Us) la trama del film

Siamo nel 1986, negli USA e la nazione sta preparando  l’evento Hands Across America, una catena umana di beneficenza. La piccola Adelaide Thomas è in vacanza con i suoi genitori a Santa Cruz. Una sera Adelaide si allontana ed arriva fino alla casa degli specchi al vicino Luna Park, dove incontra un’altra sé stessa. Il clone tenta subito di soffocarla, ma lei scappa dai suoi genitori.

Loro, notando l’improvviso mutismo della bambina insieme ad un comportamento passivo e supponendo sia colpa dello spavento d’essersi persa, la portano da una psicoterapeuta. La psicologa suggerisce così di far esprimere la bambina tramite l’arte, la pittura e il ballo.

Noi (Us)

Lupita Nyong’o nei panni di Adelaide

Passano più di 30 anni e Adelaide è diventata un donna sana e normale.  Ha una famiglia, una casa e un lavoro. Lei, il marito e i figli si trovano ad andare in vacanza proprio vicino al luogo dove da bambina aveva incontrato il suo doppio. Riemergono così molti ricordi e Adelaide cerca in tutti i modi di stare lontana dal Luna Park e dal tunnel sottostante. Scopriamo così che la vera Adelaide è ancora nei sotterranei, il clone era riuscito a segregarla lì, scappando in superficie sostituendosi a lei.

La vera Adelaide invece, rimasta rinchiusa in asettici tunnel sotterranei, scopre che in quel luogo c’è un clone per ogni cittadino americano. Tutte quelle persone sono frutto di un esperimento fallito, nel tentativo di controllare la nazione.  Essi ora conducono una vita disumana, che in qualche modo però scimmiotta la vita delle persone che vivono in superficie.

Anche se non sono in grado di parlare, questi cloni riconoscono in Adelaide una forza particolare e la consacrano come leader. Sarà proprio lei a bussare alla porta della casa delle vacanze della Adelaide-clone, insieme ad altri cloni. La vera Adelaide medita vendetta, vuole riappropriarsi della sua vecchia vita e vuole anche liberare tutti i cloni che vivono con lei, la sua nuova famiglia.

E così che, come una grande catena umana, uno dopo l’altro i cloni uccidono tutte le persone che incontrano sostituendosi ad essi.

Considerazioni su Noi (Us)

Il film Noi riesce a tessere una trama che scopre solo alla fine la vera identità di Adelaide, cambiando il senso del racconto e la prospettiva dello spettatore. Oltre a questo c’è la simbolica relazione tra la lotta di classe delle masse sfruttate contro gli eletti, pieni di agi e privilegi. Un film sulla rivoluzione proletaria, violenta, contro chi è talmente egoista da non riuscire neanche ad essere caritatevole.

Noi (Us)

Lupita Nyong’o ed Elisabeth Moss in una scena del film

Una vera lotta tra gli opposti: i buoni (gli originali in superficie) sono raccontati come vittime, mentre i veri innocenti prendono il sopravvento trasformandosi in antagonisti assetati di vendetta.

Il binomio tra la vera Adelaide e il suo clone rappresentano perfettamente le dinamiche di classe e di come si può essere contemporaneamente vittima e carnefice. Come quando, una volta che si è raggiunto il benessere, non si sia più disposti a rinunciare a nulla per aiutare chi è meno fortunato.

Gli interpreti

La protagonista di Noi (Us) è la “doppia” Lupita Nyong’o, che ha raggiunto la fama al suo debutto cinematografico con 12 Anni Schiavo. Nei panni del marito Gabe Wilson c’è Winston Duke, mentre l’amica Kitty Tyler e il marito Josh Tyle sono interpretati rispettivamente dalla bravissima e acclamata Elisabeth Moss (resa celebre da Mad Man prima e ora in The Handmaid’s Tale – Il Racconto dell’Ancella) e Tim Heidecker.

 

 

Have your say!

1 0

Lost Password

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

X